I segni del livello del mare lasciati sulle rovine romane del Serapeo (nella foto negli anni 60) a Pozzuoli, indicano l'inequivocabile movimento dell'area. Questi lenti movimenti del suolo sono chiamati "bradisismo", dal greco bradi (lento) e sismo (movimento).

Il movimento del suolo, iniziato ad essere studiato dal 1800, verso il basso è continuato sino al 1968 per poi invertirsi.

I due più recenti episodi di innalzamento che hanno interessato Pozzuoli risalgono ai periodi 1970-72 e 1982-84 che hanno prodotto un sollevamento (calcolato rispetto alla precedente livellazione) rispettivamente di 170 cm e di 182 cm nel punto di massima deformazione.

Il Parco informa

Seguici su FB

Il tempo

giweather joomla module

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per essere aggiornato in tempo reale su tutte le novità e le iniziative del Parco

Potrai cancellarti in qualsiasi momento