Altri fenomeni vulcanici sono osservabili nei Campi Flegrei, grazie alle molte fumarole sparse sul territorio ed alle sorgenti ter­mali, la gran parte delle quali è sfruttata da privati per scopi tera­peutici.

Un'area in cui vi è una discreta concentrazione di fumaro­le è quella dei Pisciarelli, posta ai confini tra i comuni di Napoli e Pozzuoli, e facilmente visibile dalla tangenziale all'altezza della barriera di Pozzuoli: sulla sinistra si vedono delle rocce, in parte coperte da macchia mediterranea e in parte nude, tra le quali si alzano - più o meno intensi, a seconda dell'attività vulcanica- fumi bianchi.

L'area, menzionata da Plinio come fontes leucogei, per le acque alluminose e biancastre che da essa sgorgavano, è purtroppo sog­getta a un lento ma continuo processo di degrado, che si concre­tizza fondamentalmente con la crescita delle attività antropiche, per lo più di tipo edilizio (case abusive) e stradale, o con lo sversa­mento di rifiuti solidi urbani in discariche abusive.

L'interesse naturalistico dell'area è notevole, in considerazione del fatto che intorno alle fumarole è stata rinvenuta negli anni '60 la presenza di Cyanidium ealdarium, un'alga unicellulare di incer­ta posizione sistematica, vivente nelle fumarole acide, e che presenta un notevole interesse scientifico per la sua eccezionale resi­stenza a condizioni di acidità e di temperatura estreme, oltre che per le sue caratteristiche morfologiche e fisiologiche. Le stazioni puteolane, insieme a quelle ischitane, sono le uniche esistenti in Europa per questo organismo, al punto che il sito rientra nell'elenco dei biotopi di rilevante interesse vegetazionale meritevoli di conservazione in Italia, redatto nel 1971 dalla Società Botanica Italiana.

Il tempo

giweather joomla module

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per essere aggiornato in tempo reale su tutte le novità e le iniziative del Parco

Potrai cancellarti in qualsiasi momento