Siti naturalistici e paesaggistici

Il Parco, ospita comparti territoriali omogenei, autentici gioielli naturalistici e pae­saggistici.

Le aree di interesse naturalistico sottoposte a regime di tutela portano il segno dell'attività vulcanica, in molti casi ancora ben visibile. Tale preponderante fenomeno ha conferito all’area una serie di caratteristiche del tutto peculiari.

Le aree costiere offrono paesaggi diversificati. Sul versante incluso tra Posillipo e Capo Miseno, la costa si presenta frastagliata e caratterizzata da brusche sco­gliere a picco sul mare, intervallate da insenature in cui si aprono splendide baie e porticcioli mentre il versante di Cuma è con­traddistinto da una lunghissima spiaggia che si estende verso nord, in direzione di Gaeta.

Rispetto alla costa altrettanto interessante è la fascia interna, quel­la non espressamente coltivata, caratterizzata da rilievi (talvolta piut­tosto erti), paludi e laghi, che, intervallati tra loro, hanno creato un suggestivo ecosistema considerato di particolare interesse dai biologi per peculiari caratteristiche, quindi oggetto in questi ultimi tempi di un'intensa opera di difesa.

Sin dall'antichità, infatti, oltre che per i ben otto laghi che occupavano la caldera d'antichi crateri spenti, il territorio flegreo era noto per le sue immense foreste costiere, oggi ridotte a pochi ettari. Inquietanti per la loro impenetrabilità erano i boschi sul Lago d'Averno e la cosiddetta "Silva Gallinaria", un fitto lecceto che prendeva il nome dalla presenza di Gallinelle d'acqua che nidificavano abbon­danti negli acquitrini a nord di Cuma.

Il Parco informa

Seguici su FB

Il tempo

giweather joomla module

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per essere aggiornato in tempo reale su tutte le novità e le iniziative del Parco

Potrai cancellarti in qualsiasi momento